Volatilità, troppa, troppo poca…la questione è sempre quella, una corretta valutazione è strettamente legata al proprio stile di trading.

Una cosa è certa, la volatilità e l’assenza di liquidità sono due concetti estremamente diversi, la tendenza è quella di abbinare l’alta volatilità dei mercati alla bassa liquidità degli strumenti finanziari.

Chi fa trading con tecniche discrezionali ha una percezione della volatilità totalmente diversa dal trader che fa trading con trading system automatici, il motivo è semplice, chi tratta manualmente tende a eliminare i momenti in cui la struttura del mercato, in termini di liquidità e volatilità, cambia, cosa totalmente opposta è il trader algoritmico.

Quello che ho osservato in anni di attività, in termini di comportamento di modelli quantitativi che trattano sul mercato dal 2004 ad oggi è che l’assenza di volatilità è distruttiva per tutti gli operatori.

Cominciamo ad analizzare alcuni semplici motivi:

  • Quando la volatilità è bassa, gli operatori istituzionali hanno poco spazio di manovra,
  • Poco spazio di manovra implica ridotti movimenti sostenuti da volumi e ampli movimenti di “rumore”,
  • Il trader retail segue tendenzialmente il rumore e spesso tratta quando il rumore del mercato ha già sortito il suo effetto,
  • La conseguenza di questo è un forte aumento dei volumi concentrati.

Ovviamente il trader discrezionale ha la possibilità di scegliere se continuare a trattare o meno, oppure se cambiare strumento.

Il trader algoritmico no, i trading system automatici trattano e continuano a trattare , senza pre concetti o idee su possibili scenari.

Allora dove è il nocciolo del discorso?

I trading system soffrono, molto, l’assenza di volatilità, il mercato piatto, con range stretti, anche se estremamente liquido e scambiato è un vero rebus che ogni sviluppatore di trading system deve risolvere.

A questo riguardo, avete mai pensato al motivo per cui non esistono sistemi intraday profittevoli su mercati piatti, come schatz o bobl, mentre ne esistono a dismisura sul dax future?  Questo è il nocciolo del discorso.

Un mercato piatto è dannoso, insipido, viscido ed estremamente pericoloso proprio perchè fa abbassare la guardia e coglie impreparati.

Veniamo alla pratica, la migliore soluzione soluzione di filtraggio per evitare i movimenti di scarsa volatilità in trading system di tipo trend follower, è l’utilizzo dell’indicatore ADX, compreso in tutte le piattaforme è, per definizione, un filtro di direzionalità.

La definizione e l’interpretazione dell’ ADX può essere trovata su WikiPedia a questo link.

Per esperienza, un corretto utilizzo dell’ indicatore ADX per evitare ingressi in mercati non trend, è strettamente legato alle sole condizioni di ingresso, per le operazioni di uscita il filtraggio ha poco effetto.

Chart ADX Eurostoxx future

Mi raccomando, anche se visivamente l’istinto è quello di abbinare l’andamento dell’indicatore ADX all’andamento del mercato, bisogna semplicemente applicarlo ai grafici ed utilizzarlo come indicatore di filtro!

Il risultato del filtraggio è immediato nel backtest e, senza dubbio, abbassa molto il numero delle operazioni, a favore dell’ Average Trade e della diminuzione del periodo di recupero del DrawDown.